End of waste decreto MITE

EOW (End of waste) inerti da costruzione, il nuovo decreto MITE

Gli scarti inerti dell’edilizia cessano di essere un rifiuto, ma solo a determinate condizioni.

A dettarle è un nuovo decreto, datato 15 luglio 2022, firmato dal ministro della transizione ecologica, Roberto Cingolani.

Il provvedimento (molto atteso dalla filiera), come detto, fissa i paletti affinché cessi di essere considerato rifiuto (End Of Waste) l’aggregato recuperato, derivante da costruzione e demolizione.

Va considerato che in Italia i rifiuti edili sono circa 70 milioni di tonnellate, secondo i dati contenuti nel Piano nazionale di gestione dei rifiuti.


Si tratta del regolamento che stabilisce i criteri specifici nel rispetto dei quali i rifiuti inerti dalle attività di costruzione e di demolizione e gli altri rifiuti inerti di origine minerale, sottoposti ad operazioni di recupero, cessano di essere qualificati come rifiuti.

Il MiTE precisa che esiste un mercato per l’aggregato recuperato e che lo stesso risulta comunemente utilizzato per la realizzazione di opere di ingegneria civile, in sostituzione della materia prima naturale, e possiede un effettivo valore economico e che sussistono scopi specifici per i quali la sostanza è utilizzabile, nel rispetto dei criteri definiti nel regolamento di cui si parla.

Il provvedimento disciplina la produzione di aggregato recuperato da rifiuti inerti dalle attività di costruzione e di demolizione non pericolosi; quindi i codici CER 170101, 170102, 170103, 170107, 170302, 170504, 170904. E i rifiuti non pericolosi di originale minerale, quindi i codici CER 010408, 010409, 010410, 010413, 101201, 101206, 101208, 101311, 120117, 191209.

End of waste

Schema di decreto Regolamento recante disciplina della cessazione della qualifica di rifiuto dei rifiuti inerti da costruzione e demolizione e di altri rifiuti inerti di origine minerale, ai sensi dell’articolo 184-ter, comma 2, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152.


Un rifiuto cessa di essere tale, quando e’ stato sottoposto a un’operazione di recupero, incluso il riciclaggio e la preparazione per il riutilizzo, e soddisfi i criteri specifici, da adottare nel rispetto delle seguenti condizioni:

a) la sostanza o l’oggetto e’ comunemente utilizzato per scopi specifici;

b) esiste un mercato o una domanda per tale sostanza od oggetto;

c) la sostanza o l’oggetto soddisfa i requisiti tecnici per gli scopi specifici e rispetta la normativa e gli standard esistenti applicabili ai prodotti;

d) l’utilizzo della sostanza o dell’oggetto non portera’ a impatti complessivi negativi sull’ambiente o sulla salute umana.

Modello di formulario – allegato A

La Deliberazione n. 14 del 21 dicembre 2021, “Definizione del modello unico e dei contenuti del formulario di trasporto rifiuti ai sensi dell’articolo 230 comma 5 del Decreto Legislativo 152/2006”, ha disposto che per la raccolta e il trasporto di rifiuti provenienti dalle attività di pulizia manutentiva delle reti fognarie di qualsiasi tipologia, si utilizzi un unico documento di trasporto rifiuti per automezzo e percorso di raccolta.

La successiva Deliberazione n. 4 del 21 aprile 2022, “Modifiche ed integrazioni alla deliberazione n. 14 del 21 dicembre 2021”, ha definito che:

  • Il modello di formulario contenuto nell’allegato “A” alla deliberazione n. 14 del 21 dicembre 2021 sarà disponibile sul portale dell’Albo nazionale gestori ambientali già a partire dal 1° giugno 2022, in modo da consentire, fino al 30 giugno 2022, un periodo di sperimentazione finalizzato a testarne le funzionalità e la fruibilità per le imprese interessate.
  • La numerazione unica di identificazione e la vidimazione del modello di formulario contenuto nell’allegato “A” alla deliberazione n. 14 del 21 dicembre 2021, verranno apposte in modalità virtuale mediante l’interconnessione applicativa del portale dell’Albo nazionale gestori ambientali con il servizio esposto dal sistema Vi.Vi.FIR raggiungibile attraverso la rete delle Camere di commercio, al quale il Gestore dovrà preventivamente accreditarsi secondo le regole in uso nel sistema Vi.Vi.FIR, qualora intendesse anche attivare l’interoperabilità applicativa sul nuovo modello di formulario contenuto nell’allegato “A” alla deliberazione n. 14 del 21 dicembre 2021.

Pertanto, dal 1° giugno sarà vigente la piena operatività per l’emissione e vidimazione virtuale tramite il portale dell’Albo del nuovo documento unico (con compilazione manuale) nonché l’apertura dei servizi di interoperabilità applicativa che consentiranno ai gestori di collegare i propri software gestionali al sistema di emissione e vidimazione virtuale del nuovo documento unico.

Ulteriori Riferimenti:

Rifiuti, PNRR, Privacy, long COVID

News sicurezza ambiente qualità  E-learning HSE, Banca dati Newsletter 21 del 31 Maggio 2022, Rifiuti, PNRR, Privacy, long COVID.

In caso di difficoltà  nel recupero credenziali, non esiti a inviare una mail a mail@portaleconsulenti.it.

Ricordiamo che l’accesso al Portale è Gratuito per l’utilizzo dell’intera Banca Dati.


Programma regionale di gestione dei rifiuti

 

Sul BURL (REGIONE LOMBARDIA) del 27 maggio 2022,. n. 21 è stata pubblicata la Delibera della Giunta  Regionale del 23 maggio 2022, n. XI/6408 recante: “Approvazione dell’aggiornamento del Programma regionale …LEGGI TUTTO


Piano Mirato di Prevenzione

 

I piani mirati di prevenzione per l’assistenza alle imprese: metodi, strumenti ed esperienze territoriali INAIL 2022 Nella Strategia europea 2014 – 2020 sono illustrate le sfide fondamentali in materia di …LEGGI TUTTO


PNRR parità di genere

 

Rilevanti differenze di genere caratterizzano in Italia molteplici ambiti del vivere quotidiano: mercato del lavoro, partecipazione a processi decisionali, istruzione e accesso alla salute; la crisi Covid-19 ha contribuito a  …LEGGI TUTTO


Email aziendale Garante Privacy

 

Email aziendale: il collaboratore esterno ha gli stessi diritti del dipendente Il Garante sanziona un’azienda per 50.000 euro Il lavoratore va sempre informato in maniera esaustiva sul trattamento dei suoi …LEGGI TUTTO


Rimborso spese per l’acquisto di Laptop/Tablet

 

L’Agenzia delle Entrate, con la risposta n. 294 del 24 maggio 2022, ha fornito alcuni chiarimenti in merito alla possibilità, da parte del datore di lavoro, di rimborsare le spese per l’acquisto …LEGGI TUTTO


Protocollo INAIL – Scuole

 

Formazione di insegnanti e studenti sulla sicurezza sul lavoro. La collaborazione tra Inail, Ministero del Lavoro, Ministero dell’Istruzione e Ispettorato nazionale del lavoro prevede la realizzazione di azioni congiunte per …LEGGI TUTTO


Esposizione alle radiazioni ionizzanti

 

DECRETO LEGISLATIVO 31 luglio 2020, n. 101 Attuazione della direttiva 2013/59/Euratom, che stabilisce norme fondamentali di sicurezza relative alla protezione contro i pericoli derivanti dall’esposizione alle radiazioni ionizzanti, e che abroga …LEGGI TUTTO


Impatto del long COVID sui lavoratori

 

Impatto del long COVID sui lavoratori e sui luoghi di lavoro e ruolo della SSL Il documento, in inglese, affronta l’impatto del Long Covid sui lavoratori, sulla salute, i sintomi …LEGGI TUTTO


Digitalizzazione professionisti contributi fino 2.500 euro

 

A partire dal 23 Maggio 2022, anche i professionisti potranno richiedere il voucher connettività per i servizi a banda ultralarga. E’ quanto prevede il decreto del ministro dello sviluppo economico Giancarlo Giorgetti, …LEGGI TUTTO


Equiparazione aula-videoconferenza, Credito imposta, Bandi, Near miss

 

News sicurezza ambiente qualità  E-learning HSE, Banca dati Newsletter 20 del 24 Maggio 2022, Equiparazione aula-videoconferenza, Credito imposta, Bandi, Near miss. In caso di difficoltà  nel recupero credenziali, non esiti a …LEGGI TUTTO


Siamo alla ricerca di writer editor che vogliono collaborare con il PortaleConsulenti. Scopri di più

Gruppo linkedin del Portale Consulenti

Cliccando sul link del gruppo potrai ricevere le notifiche direttamente da Linkedin ed essere aggiornato costantemente sulle novità  in ambito HSE sicurezza ambiente qualità  E-learning

Newsletter 21 del 31 Maggio 2022

Contratti di sviluppo, Rifiuti, Stress lavoro, Misure per l’autoimprenditorialità

News sicurezza ambiente qualità  E-learning HSE, Banca dati Newsletter 12 del 30 Marzo 2022, Contratti di sviluppo, Rifiuti, Stress lavoro, Misure per l’autoimprenditorialità.

In caso di difficoltà  nel recupero credenziali, non esiti a inviare una mail a mail@portaleconsulenti.it.

Ricordiamo che l’accesso al Portale è Gratuito per l’utilizzo dell’intera Banca Dati.


Rapporto annuale 2021 RAEE

 

La 14° edizione del Rapporto annuale presenta i dati ufficiali sulla raccolta dei rifiuti elettronici domestici in Italia nel 2021. Volumi complessivi in crescita rispetto al 2020, quantitativi pro capite, … LEGGI TUTTO


PREVISIONI DEI FABBISOGNI OCCUPAZIONALI E PROFESSIONALI IN ITALIA

 

Il Sistema Informativo Excelsior – realizzato da Unioncamere e dall’ANPAL – si colloca tra le maggiori fonti disponibili in Italia sui temi del mercato del lavoro. Excelsior informa. Previsioni dei … LEGGI TUTTO


Le domande per i nuovi Contratti di sviluppo

 

Come finanziare i nuovi investimenti in fotovoltaico, eolico e batterie Ai nastri di partenza le agevolazione per gli investimenti nelle filiere industriali strategiche e innovative e nei settori delle rinnovabili … LEGGI TUTTO


Misure per l’autoimprenditorialità

 

Decreto direttoriale 16 marzo 2022 – Misure per l’autoimprenditorialità – Nuove imprese a tasso zero. Riapertura sportello. Il decreto dispone la riapertura dello sportello agevolativo per la presentazione delle domande LEGGI TUTTO


RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO

 

La metodologia per la valutazione e gestione del rischio stress lavoro-correlato – modulo contestualizzato al settore sanitario. INAIL 2022 Pubblicazione realizzata da Inail: Dipartimento di medicina, epidemiologia, igiene del lavoro …LEGGI TUTTO


Rifiuti Codici HP

 

Generalmente, indichiamo come rifiuto qualsiasi materiale di scarto o di avanzo di svariate attività umane. L’Unione Europea li definisce “qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o …LEGGI TUTTO


Risk Management, Agenti cancerogeni, MUD 2022, Rischi attrezzature

 

News sicurezza ambiente qualità  E-learning HSE, Banca dati Newsletter 11 del 23 Marzo 2022, Risk Management, Agenti cancerogeni, MUD 2022, Rischi attrezzature. In caso di difficoltà  nel recupero credenziali, non esiti …LEGGI TUTTO


 

Smart working, Formatori, Cantieri, Checklist.

 

News sicurezza ambiente qualità  E-learning HSE, Banca dati Newsletter 8 del 1 Marzo 2022, Smart working, Formatori, Cantieri, Checklist. In caso di difficoltà  nel recupero credenziali, non esiti a inviare una … LEGGI TUTTO


Siamo alla ricerca di writer editor che vogliono collaborare con il PortaleConsulenti. Scopri di più

Gruppo linkedin del Portale Consulenti

Cliccando sul link del gruppo potrai ricevere le notifiche direttamente da Linkedin ed essere aggiornato costantemente sulle novità  in ambito HSE sicurezza ambiente qualità  E-learning

Newsletter 12 del 30 Marzo 2022

Rifiuti Codici HP

Generalmente, indichiamo come rifiuto qualsiasi materiale di scarto o di avanzo di svariate attività umane. L’Unione Europea li definisce “qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia l’intenzione o l’obbligo di disfarsi”, mentre per la legislazione italiana, secondo il decreto legislativo del 3 aprile 2006 n. 152, il cosiddetto Testo unico ambientale, si intendono “qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia l’intenzione o l’obbligo di disfarsi”.

Non tutti i rifiuti sono però uguali: i privati cittadini e le aziende che si ritrovano a doverli smaltire, devono seguire precise direttive stabilite dalla normativa del nostro Paese.

I rifiuti vengono suddivisi in rifiuti urbani e rifiuti speciali.

L’importanza del codice CER per una corretta classificazione dei rifiuti

La corretta classificazione dei rifiuti è un passaggio fondamentale per le imprese. Come procedere all’identificazione dei rifiuti? Si tratta di attribuire al rifiuto in questione una sequenza di 6 cifre riunite in coppia. È il codice CER (Codice Europeo Rifiuti), rintracciabile all’interno dell’Elenco Europeo di Rifiuti (EER).

Ad esempio, 08 01 15* è il codice CER che indica fanghi acquosi contenenti pitture e vernici, contenenti solventi organici o altre sostanze pericolose”. La finalità è quella di identificare un rifiuto in base al processo produttivo da cui è originato. Il codice CER può indicare rifiuti:

non pericolosi assoluti;
pericolosi assoluti.
non pericolosi con voce a specchio;
pericolosi con voce a specchio.

Le caratteristiche di pericolo vengono, invece, indicate con la dicitura “HP” più un numero. HP1 indica, per esempio, pericolo esplosivo, HP3 infiammabile, HP7 cancerogeno, HP8 corrosivo. Le informazioni circa la pericolosità delle sostanze che compongono il rifiuto e il processo che l’ha generato si ricavano dalle Schede di Sicurezza.


A decorrere dal 1° giugno 2015 si applica il regolamento N. 1357/2014 del 18/12/2014 che rinomina le caratteristiche di pericolo sostituendo la sigla H con la sigla HP.  Ai rifiuti pericolosi va attribuita una classe di pericolosità indicata con la sigla HP, seguita da un numero. Le proprietà di pericolo, definite da HP1 ad HP15, possedute dal rifiuto, devono essere determinate al fine di procedere alla sua gestione.

L’Allegato I della parte IV riproduce l’Allegato III alla direttiva 2008/98/UE, così come sostituito dal regolamento (UE) n.1357/2014 del 18.12.2014; prevede le seguenti caratteristiche di pericolo per i rifiuti pericolosi:

  • HP 1 “Esplosivo”: rifiuto che può, per reazione chimica, sviluppare gas a una temperatura, una pressione e una velocità tali da causare danni nell’area circostante. Sono inclusi i rifiuti pirotecnici, i rifiuti di perossidi organici esplosivi e i rifiuti autoreattivi esplosivi.
  • HP 2 “Comburente”: rifiuto capace, in genere per apporto di ossigeno, di provocare o favorire la combustione di altre materie.
  • HP 3: “Infiammabile”:

– rifiuto liquido infiammabile: rifiuto liquido il cui punto di infiammabilità è inferiore a 60 °C oppure rifiuto di gasolio, carburanti diesel e oli da riscaldamento leggeri il cui punto di infiammabilità è superiore a 55 °C e inferiore o pari a 75 °C;

– rifiuto solido e liquido piroforico infiammabile: rifiuto solido o liquido che, anche in piccole quantità, può infiammarsi in meno di cinque minuti quando entra in contatto con l’aria;

– rifiuto solido infiammabile: rifiuto solido facilmente infiammabile o che può provocare o favorire un incendio per sfregamento;

– rifiuto gassoso infiammabile: rifiuto gassoso che si infiamma a contatto con l’aria a 20 °C e a pressione normale di 101,3 kPa;

– rifiuto idroreattivo: rifiuto che, a contatto con l’acqua, sviluppa gas infiammabili in quantità pericolose;

– altri rifiuti infiammabili: aerosol infiammabili, rifiuti autoriscaldanti infiammabili, perossidi organici infiammabili e rifiuti autoreattivi infiammabili.

  • HP 4 “Irritante — Irritazione cutanea e lesioni oculari”: rifiuto la cui applicazione può provocare irritazione cutanea o lesioni oculari.
  • HP 5 “Tossicità specifica per organi bersaglio (STOT)/Tossicità in caso di aspirazione”: rifiuto che può causare tossicità specifica per organi bersaglio con un’esposizione singola o ripetuta, oppure può provocare effetti tossici acuti in seguito all’aspirazione.
  • HP 6 “Tossicità acuta”: rifiuto che può provocare effetti tossici acuti in seguito alla somministrazione per via orale o cutanea, o in seguito all’esposizione per inalazione.
  • HP 7 “Cancerogeno”: rifiuto che causa il cancro o ne aumenta l’incidenza.
  • HP 8 “Corrosivo”: rifiuto la cui applicazione può provocare corrosione cutanea.
  • HP 9 “Infettivo”: rifiuto contenente microrganismi vitali o loro tossine che sono cause note, o a ragion veduta ritenuti tali, di malattie nell’uomo o in altri organismi viventi.
  • HP 10 “Tossico per la riproduzione”: rifiuto che ha effetti nocivi sulla funzione sessuale e sulla fertilità degli uomini e delle donne adulti, nonché sullo sviluppo della progenie.
  • HP 11 “Mutageno”: rifiuto che può causare una mutazione, ossia una variazione permanente della quantità o della struttura del materiale genetico di una cellula.
  • HP 12 “Liberazione di gas a tossicità acuta”: rifiuto che libera gas a tossicità acuta (Acute Tox. 1, 2 o 3) a contatto con l’acqua o con un acido.
  • HP 13 “Sensibilizzante”: rifiuto che contiene una o più sostanze note per essere all’origine di effetti di sensibilizzazione per la pelle o gli organi respiratori.
  • HP 14 “Ecotossico”: rifiuto che presenta o può presentare rischi immediati o differiti per uno o più comparti ambientali.
  • HP 15 “Rifiuto che non possiede direttamente una delle caratteristiche di pericolo summenzionate ma può manifestarla successivamente”.

SCARICA Regolamento Ue n. 1357/2014

portaleconsulenti download banca dati gratis
banca dati gratis

Guidelines for classifying and managing asbestos-containing waste

INAIL 2021

Il volume, redatto in inglese, fornisce indicazioni in merito ai codici del Catalogo Europeo dei Rifiuti (LoW) da utilizzare per classificare ed avviare a idonea discarica i RCA.

Ciò al fine di agevolare i soggetti a vario titolo coinvolti nella gestione di tali rifiuti ed evitare smaltimenti impropri o volutamente illegali in siti non idonei.

Il presente documento tecnico concernente la classificazione e la gestione dei materiali contenenti amianto rifiuti (Acw), è stato sviluppato nell’ambito dell’attività di ricerca svolta dal Dipartimento di Innovazione Tecnologica e Sicurezza di Impianti, Prodotti e Insediamenti Umani (Dit) con l’obiettivo di fornire linee guida per una migliore gestione e smaltimento di Acw, aumentando il livello di sicurezza, nei cantieri e nei sovrafondi, contaminati da amianto.

L’attività di ricerca dell’Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (Inail), coordinato dal Dipartimento Centrale Ricerche, e condotto da due Dipartimenti Studi, si realizza attraverso l’attuazione di piani triennali che esaminano a 360° i molteplici aspetti della salute e sicurezza sul lavoro.

La Dit sviluppa progetti per il miglioramento di procedure operative, metodologie, strumenti, impianti, ecc., finalizzati alla tutela dei lavoratori, degli ambienti di vita e alla salvaguardia matrici ambientali.

L’attività, svolta in un contesto partecipativo tra le diverse pubbliche amministrazioni, associazioni di categoria ed enti di ricerca nazionali e internazionali, promuove la circolarità delle conoscenze tecnico-scientifiche in ambito nazionale e internazionale comunità.

Scopo dell’attività di ricerca è anche la diffusione della cultura della prevenzione del
che Inail promuove, in un complesso lavoro di sinergia tra enti pubblici e privati, il cui scopo principale è quello di integrare, armonizzare e diffondere il corretto intervento procedure e sicurezza da adottare su scala nazionale.

Ciò al fine di indicare criteri di intervento riproducibili ed omogenei volti ad agevolare il lavoro dei lavoratori coinvolti nel settore e gli organi di controllo competenti per territorio.

portaleconsulenti
portaleconsulenti

DL Sicurezza lavoro, Rifiuti, Bandi, GDPR

News sicurezza ambiente qualità  E-learning HSE, Banca dati Newsletter 37 del 26 Ottobre 2021, DL Sicurezza lavoro, Rifiuti, Bandi, GDPR.

In caso di difficoltà  nel recupero credenziali, non esiti a inviare una mail a mail@portaleconsulenti.it.

Ricordiamo che l’accesso al Portale è Gratuito per l’utilizzo dell’intera Banca Dati.


300 milioni di rifinanziamento Nuova Sabatini

 

La misura Beni strumentali (“Nuova Sabatini”) è l’agevolazione messa a disposizione dal Ministero dello sviluppo economico con l’obiettivo di facilitare l’accesso al credito delle imprese e accrescere la competitività del …LEGGI TUTTO


 

ISPRA SALUTE

 

ISPRA 2021 Il documento è frutto delle attività dell’Osservatorio Ambiente e Salute (A&S) costituito da colleghi Ricercatori e Tecnologi ISPRA impegnati su progetti, attività di ricerca e tavoli tecnici che LEGGI TUTTO


INAIL Comunicato 22 ottobre 2021

 

Covid-19, nel 2021 in forte calo l’impatto del virus su infortuni sul lavoro e casi mortali Online il 20esimo report nazionale elaborato dalla Consulenza statistico attuariale Inail: tra gennaio e LEGGI TUTTO


Crea e gestisci password a prova di privacy

 

GARANTE PRIVACY Suggerimenti per creare e gestire password a prova di privacy La scheda ha mere finalità divulgative e sarà aggiornata in base alle evoluzioni tecnologiche e normative Password: dal …LEGGI TUTTO


RIFIUTI: DAL MITE 27 MILIONI DI EURO

 

Ventisette milioni di euro ai Comuni italiani per contenere la produzione di rifiuti in plastica attraverso l’utilizzo di eco-compattatori, favorirne la raccolta differenziata e migliorarne il riciclo in un’ottica di …LEGGI TUTTO


Progetti Faro e Pnrr: 600 milioni di euro

 

Con il D.M. 28 settembre 2021 – pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 248 del 16 ottobre 2021 – il ministero della Transizione ecologica ha stanziato 600 milioni di euro per …LEGGI TUTTO


DECRETO-LEGGE Sicurezza lavoro

 

Misure urgenti in materia economica e fiscale, a tutela del lavoro e per esigenze indifferibili. (21G00157) (GU Serie Generale n.252 del 21-10-2021) DECRETO-LEGGE 21 ottobre 2021, n. 146 note: Entrata in LEGGI TUTTO


Rifiuti, Progettazione acustica, Sicurezza sul lavoro, Imprese agricole

 

News sicurezza ambiente qualità  E-learning HSE, Banca dati Newsletter 36 del 19 Ottobre 2021, Rifiuti, Progettazione acustica, Sicurezza sul lavoro, Imprese agricole. In caso di difficoltà  nel recupero credenziali, non esiti …LEGGI TUTTO


Siamo alla ricerca di writer editor che vogliono collaborare con il PortaleConsulenti. Scopri di più

Cliccando sul link del gruppo potrai ricevere le notifiche direttamente da Linkedin ed essere aggiornato costantemente sulle novità  in ambito HSE sicurezza ambiente qualità  E-learning

Newsletter 37 del 26 Ottobre 2021