Fringe benefit, investimenti 4.0, bonus pubblicità, Sicurezza

portaleconsulenti
portale consulenti

News sicurezza, ambiente, qualità,  E-learning, Formazione,  Competenze. Newsletter 41 del 16 Novembre 2022

Fringe benefit, investimenti 4.0, bonus pubblicità, Sicurezza

In caso di difficoltà  nel recupero credenziali, non esiti a inviare una mail a mail@portaleconsulenti.it.

Ricordiamo che l’accesso al Portale è Gratuito per l’utilizzo dell’intera Banca Dati.


Videosorveglianza: stop del Garante

Videosorveglianza: stop del Garante privacy a riconoscimento facciale e occhiali smart L’Autorità apre istruttorie nei confronti di due Comuni Il Garante mette in guardia dall’utilizzo degli “occhiali speciali” dei vigili … LEGGI TUTTO


Fringe benefit

Fringe benefit esentasse per pagare le bollette (e non solo) L’impatto della norma riguarderebbe 2,5 milioni di lavoratori dipendenti e assimilati. Potrà essere utilizzata per pagare le bollette anche da …LEGGI TUTTO


Presentato il Rapporto GreenItaly 2022

Presentato il Rapporto GreenItaly 2022 di Fondazione Symbola e Unioncamere GREEN ECONOMY LA GREEN ECONOMY ACCELERA: 531 MILA IMPRESE ITALIANE NEGLI ULTIMI 5 ANNI (2017-2021) HANNO INVESTITO SULLA SOSTENIBILITÀ PER …LEGGI TUTTO


Comunicazione MISE per investimenti 4.0

Il 30 novembre scade il termine per l’invio al MISE della comunicazione dei dati degli investimenti con caratteristiche 4.0 effettuati nel 2021 per investimenti 4.0. Le imprese che nel periodo …LEGGI TUTTO


bonus pubblicità Agenzia delle entrate

Agenzia delle entrate: chiarimenti sul bonus pubblicità bonus pubblicità Riguardo il bonus pubblicità, i compensi per l’agenzia pubblicitaria sono fuori dal credito d’imposta. E’ la sintesi della risposta all’interpello n. …LEGGI TUTTO


Bando Bit 2022

Inail, in collaborazione con il centro di competenza ARTES 4.0, promuove un bando per l’innovazione tecnologica delle imprese (BIT), per il finanziamento di progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale …LEGGI TUTTO


Sicurezza industria chimica

Sicurezza nell’industria chimica, presentato il 28° Rapporto Responsible Care Responsible Care È stato presentato mercoledì 9 novembre a Rimini, in occasione della Fiera Ecomondo, l’evento di riferimento internazionale per la transizione …LEGGI TUTTO


ASSICURAZIONE INFORTUNI SUL LAVORO

TESTO UNICO DELLE DISPOSIZIONI PER L’ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LE MALATTIE PROFESSIONALI – D.P.R. 1124/1965 INAIL Il testo unico delle disposizioni per l’assicurazione obbligatoria contro gli …LEGGI TUTTO


La SICUREZZA NELLE STRUTTURE SANITARIE

LA DISINFEZIONE AMBIENTALE E DI SUPERFICI DIVERSIFICATE COME MISURA DI SICUREZZA NELLE STRUTTURE SANITARIE ED IN QUELLE AD ESSE ASSIMILABILI SICUREZZA NELLE STRUTTURE SANITARIE Pubblicazione INAIL 2022 Negli ultimi anni … LEGGI TUTTO


Il rischio di esposizione a legionella

Rischio di esposizione a legionella IN AMBIENTI DI VITA E DI LAVORO CHE COS’È LA LEGIONELLOSI? Con il termine ‘legionellosi’ vengono indicate le forme morbose causate da batteri appartenenti al … LEGGI TUTTO


FAQ formazione 2022, Fondo Nuove Competenze, Bonus occhiali, Liste di controllo

News sicurezza, ambiente, qualità,  E-learning, Formazione,  Competenze. Newsletter 40 del 9 Novembre 2022 FAQ formazione 2022, Fondo Nuove Competenze, Bonus occhiali, Liste di controllo In caso di difficoltà  nel recupero …LEGGI TUTTO


Inoltre siamo alla ricerca di writer editor che vogliono collaborare con il PortaleConsulenti. Scopri di più

Gruppo linkedin del Portale Consulenti

Ad ogni modo, Cliccando sul link del gruppo potrai ricevere le notifiche direttamente da Linkedin ed essere aggiornato costantemente sulle novità  in ambito HSE sicurezza ambiente qualità  E-learning

Newsletter 41 del 16 Novembre 2022

Fringe benefit, investimenti 4.0, bonus pubblicità, Sicurezza

La SICUREZZA NELLE STRUTTURE SANITARIE

LA DISINFEZIONE AMBIENTALE E DI SUPERFICI DIVERSIFICATE COME MISURA DI SICUREZZA NELLE STRUTTURE SANITARIE ED IN QUELLE AD ESSE ASSIMILABILI

SICUREZZA NELLE STRUTTURE SANITARIE

Pubblicazione INAIL 2022


Negli ultimi anni la disinfezione eff ettuata manualmente o mediante apparecchiature, impianti, dispositivi di tipologia diversifi cata si considera di importanza fondamentale per contrastare le infezioni causate da agenti biologici sempre più aggressivi e diffusivi, per i quali spesso non sono più disponibili effi caci terapie farmacologiche poiché gli stessi frequentemente si dimostrano resistenti anche ai farmaci più innovativi.

Infezioni correlate all’assistenza

La situazione descritta si è manifestata in modo particolarmente allarmante nelle strutture sanitarie ed in quelle ad esse assimilabili per l’aumento esponenziale negli anni delle cosiddette Ica (Infezioni correlate all’assistenza) e si presenta chiaramente come realtà maggiormente preoccupante nei casi di pandemia come quella causata dal Sars CoV-2.

Le indicazioni tecnico – scientifi che descritte nel presente documento, per osservare quanto indicato nella legislazione di igiene e sicurezza in ambiente di lavoro quale garanzia di tutela della salute per i soggetti presenti, si intendono attuabili anche nell’esecuzione di altre attività per le quali la valutazione del rischio individua un considerevole rischio di esposizione. Si evidenzia che nell’attuale accezione con l’acronimo Ica si comprendono le infezioni/patologie infettive contratte nelle strutture sopra menzionate sia dagli utenti che dagli stessi operatori.

RISCHIO BIOLOGICO ED ATTIVITÀ DI DISINFEZIONE

Nell’eseguire un’attività assistenziale od una procedura clinico – diagnostica e/o terapeutica, nell’eff ettuare procedure sociosanitarie e/o similari, si deve considerare il rischio biologico, ossia il rischio per pazienti ed operatori di contrarre un’infezione. Ne consegue la necessità di una corretta e appropriata disinfezione.

L’individuazione delle misure di prevenzione-protezione da dover realizzare e mantenerle attuate nel tempo si effettua a seguito del procedimento di valutazione del rischio biologico osservando i disposti degli artt. 271, 272 e seguenti del Titolo X (d.lgs. 81/2008 e s.m.i.), per poter individuare le condizioni di “rischio di esposizione” ad agenti biologici e defi nire e caratterizzare le misure di sicurezza da mettere in atto, in relazione al contesto
della struttura sanitaria, socio sanitaria e residenziale e delle attività che si espletano in essa.

SICUREZZA NELLE STRUTTURE SANITARIE RISCHIO BIOLOGICO ED ATTIVITÀ DI DISINFEZIONE
SICUREZZA NELLE STRUTTURE SANITARIE RISCHIO BIOLOGICO ED ATTIVITÀ DI DISINFEZIONE

SICUREZZA NELLE BIOTECNOLOGIE INDUSTRIALI

Il Progetto europeo RES URBIS

INAIL 2022

Pubblicazione realizzata da Inail Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli impianti, pprodotti e insediamenti antropici (Dit) Consulenza tecnica accertamento rischi e prevenzione (Contarp)

Ricerca

L’attività di ricerca del Dipartimento Innovazioni Tecnologiche (Dit) dell’Inail nel settore delle biotecnologie industriali (white biotech) è focalizzata sulla salute e sicurezza sul lavoro ed esamina, in particolar modo, gli impianti ed i processi biotecnologici. Il successo sul mercato di nuovi processi tecnologici è decretato dal raggiungimento del connubio tra massimizzazione delle efficienze produttive, minimizzazione dell’impatto ambientale e miglioramento del livello di sicurezza.

Quest’ultimo aspetto è oggetto delle ricerche svolte nel contesto del risanamento ambientale, in un’ottica di economia circolare e di sviluppo sostenibile, secondo quanto previsto dal quadro di riferimento europeo. L’applicazione di queste tecniche può permettere di innovare settori maturi come quelli delle materie prime, della produzione di energia e intermedi, aderendo ai principi di sostenibilità ambientale, economica e sociale, che sono i pilastri portanti della bioeconomia.

Quest’ultima fonda sull’impiego delle risorse rinnovabili di origine biologica e sull’adozione di una logica circolare, che valorizza le opportunità di riutilizzo attraverso l’innovazione tecnologica.

Sicurezza

L’adozione di standard di sicurezza efficaci, reattivi e responsabili può aumentare la fiducia dell’opinione pubblica e promuovere lo sviluppo degli impianti di nuova generazione (bioraffinerie).

In tal senso, il primo passo dovrebbe essere la sostituzione dell’attuale paradigma basato sulla valutazione e gestione del rischio a valle dello sviluppo industriale, con un approccio proattivo applicato all’inizio della progettazione del processo e dell’impianto. Sebbene i rischi per l’ambiente e la salute, posti dalle bioraffinerie, siano generalmente considerati inferiori rispetto a quelli dei tradizionali processi chimici e petrolchimici, si riscontra una carenza informativa sugli aspetti di salute e sicurezza delle bioraffinerie, in particolare per i nuovi bioprocessi in fase di sviluppo.

download Salute e sicurezza nelle biotecnologie industriali - Il Progetto europeo RES URBIS
download

D lgs 81 Agosto 2022

D lgs 81. Edizione aggiornata ad agosto 2022 del Testo Unico sulla Salute e Sicurezza sul Lavoro.

Novità in questa versione:

Completato l’inserimento dei collegamenti ipertestuali delle circolari del Ministero dell’Interno prot. 14804 del 06/10/2021, prot. 15472 del 19/10/2021 e prot. 16700 del 08/11/2021;

Modificata la Nota alla circolare INAIL n. 44/2020 del 11/12/2020 riguardante la comunicazione INAIL del 28/07/2021, sulla proroga dei termini della sorveglianza sanitaria eccezionale al 31/07/2022;

Inserita la Nota all’art. 37, comma 2, riguardante la disciplina della formazione obbligatoria in materia di salute e sicurezza sul lavoro, come integrata dal D.L. 24 marzo 2022, n. 24 convertito con modificazioni dalla L. 19 maggio 2022, n. 52;

Inserita la Nota DECPREV Prot. 7826 del 31/05/2022 del Ministero dell’Interno, Dipartimento dei vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile, Direzione Centrale per la prevenzione e la sicurezza tecnica, ad Oggetto: DM 2 settembre 2021 “Criteri per la gestione dei luoghi di lavoro in esercizio ed in emergenza e caratteristiche dello specifico servizio di prevenzione e protezione antincendio, ai sensi dell’articolo 46, comma 3, lettera a), punto 4 e lettera b) del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81”. – Indicazioni procedurali per le attività di formazione e di abilitazione;

Inserita la Nota INL del 07/06/2022 prot. n. 1159, avente ad oggetto “art. 14 D.Lgs. n. 81/2008 – provvedimenti di sospensione – attività non differibili”;

Inserita la Nota INL del 22/06/2022 prot. n. 3783 avente da oggetto “tutela dei lavoratori sul rischio legato ai danni da calore”;

Sostituito il Decreto Direttoriale n. 1 del 13 gennaio 2022 con il Decreto Direttoriale n. 62 del 26 luglio 2022 – Trentaduesimo elenco dei soggetti abilitati per l’effettuazione delle verifiche periodiche di cui all’art. 71 comma 11;

Inserita nota all’art. 3, comma 8, sulle prestazioni di lavoro occasionali;

Modificata la nota al Testo Unico sulla introduzione del comma 4-ter all’art. 30 del D.Lgs. 10 settembre 2003, n. 276;

Inserita nota, ove ricorre il riferimento agli artt. 61 e seguenti del D.Lgs. 10 settembre 2003, n. 276, riguardante l’abrogazione della disciplina del lavoro a progetto operata dall’art. 52 del D.Lgs. 15 giugno 2015, n. 81;

Inserita nota, ove ricorre il riferimento agli artt. 70 e seguenti del D.Lgs. 10 settembre 2003, n. 276, riguardante l’abrogazione della disciplina del lavoro accessorio operata definitivamente dall’art. 1 del D.L. 17 marzo 2017, n. 25 convertito dalla L. 20 aprile 2017, n. 49 (G.U. 17/03/2017, n. 64, in vigore dal 20/03/2017);

Inserita nota, ove ricorre il riferimento all’art. 2, comma 1, lett. i) del D.Lgs. 10 settembre 2003, n. 276, riguardante la sostituzione del libretto formativo del cittadino con il fascicolo elettronico del lavoratore di cui all’art. 14 del medesimo D.Lgs. 14 settembre 2015, n. 150;

Inserita nota, ove ricorre il riferimento all’art. 48 del D.Lgs. 10 settembre 2003, n. 276, riguardante la disciplina dell’apprendistato, adesso regolamentata dagli artt. da 41 a 47 del D.Lgs. 15 giugno 2015, n. 81;

Inserita nota, ove ricorre il riferimento agli artt. da 20 a 28 del D.Lgs. 10 settembre 2003, n. 276, riguardante la disciplina della somministrazione di lavoro, adesso regolamentata dagli artt. da 30 a 40 del D.Lgs. 15 giugno 2015, n. 81;

Inserita nota INL del 26/07/2022, prot. n. 4753 ad oggetto: “Tutela dei lavoratori sul rischio legato ai danni da calore. Strumenti preventivi e indicazioni operative”.

SCARICA VERSIONE Agosto 2022

Mappatura dei materiali contenenti amianto

La normativa italiana (l.n. 93/2001 e d.m. 101/03) prevede la mappatura dei materiali contenenti amianto su tutto il territorio nazionale. Al fine di accelerare l’acquisizione di dati spaziali a larga scala, gli enti locali utilizzano sempre più tecniche di telerilevamento per la geolocalizzazione delle coperture in cemento amianto (Ac). INAIL 2022

Tuttavia, i metodi operativi differiscono da regione a regione. L’ Inail ha sostenuto la ricerca scientifica focalizzata sulle tecniche di telerilevamento, al fine di adottare misure per limitare il rischio amianto, proteggere i lavoratori e salvaguardare le comunità residenti.

Questa scheda informativa riporta i risultati di recenti ricerche e descrive lo stato dell’arte ed i migliori approcci per il telerilevamento di coperture contenenti amianto.

Tali procedure risultano coerenti con quanto richiesto dalla normativa italiana, ma anche europea ed internazionale, e pertanto possono risultare un utile riferimento procedurale anche a scala mondiale.


L’attività di ricerca dell’Inail ha dedicato grande attenzione alla complessa questione dell’amianto e alla mappatura di aree contaminate da questa sostanza, allo scopo di adottare misure per limitare il relativo rischio, proteggere lavoratori e salvaguardare le comunità residenti.

Prendendo nota degli studi e delle sperimentazioni di telerilevamento per il rilievo e la mappatura delle coperture in ca, l’Istituto ha promosso un Bando per la Ricerca Collaborativa (Bric 57/2016), con l’obiettivo di effettuare una valutazione delle diverse tecniche per l’identificazione e il riconoscimento di superfici contenenti amianto, entrambi di origine antropica e naturale, da telerilevamento immagini.

Il progetto, al quale ha aderito l’Istituto di Metodologie per l’Analisi Ambientale del Cnr, Università di Modena e Reggio Emilia, il Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e l’Università degli studi di Milano Bicocca, con il coordinamento della Direzione Innovazione per l’Innovazione Tecnologica e la Sicurezza degli impianti, dei prodotti e degli insediamenti antropici (Dit), ha portato a definire lo stato di l’arte ei migliori approcci per il telerilevamento di coperture contenenti amianto.

Sulla base di questa valutazione, sono state sviluppate linee guida e procedure di riferimento definito, utilizzabile dalle autorità preposte e da operatori del settore per l’estrazione di informazioni utili alla mappatura delle coperture in ca queste tecniche.

L’Inail ha investito anche in questo settore da formazione di personale qualificato attraverso borse di studio e Dottorati di ricerca (presso l’Università “La Sapienza” di Roma).

amianto

Veicoli: rischi per la sicurezza

Guida elettronica dell’UE sui rischi per la sicurezza posti dai veicoli durante l’attività professionale (VeSafe)

VeSafe è una guida elettronica della Commissione europea riguardante i rischi per la sicurezza posti dai veicoli durante l’attività professionale, di immediata consultazione e destinata a essere utilizzata nel quadro di buone prassi in aree prioritarie.

La guida è rivolta a conducenti/datori di lavoro, dipendenti ed esperti in materia di sicurezza in tutti i settori dell’UE, interessati ai rischi derivanti dai veicoli.

Puoi selezionare

  • un tipo di veicolo: furgone, autovettura, autocarro, autobus, bicicletta, ecc.;
  • un rischio: consegna, carico, manutenzione, pericoli fisici, ecc.;
  • un settore in cui lavori: conduzione sicura nell’ambito dell’esercizio dell’attività professionale, lavoro su strada o in prossimità di una strada e sicurezza dei trasporti per recarsi sul luogo di lavoro.

Questa guida elettronica è resa disponibile dall’Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro mentre il contenuto editoriale è gestito dalla DG EMPL.

Consulta la guida elettronica VeSafe

sicurezza lavoro: Sicuri, insieme, si deve


Sicuri, insieme, si deve“, è con questo messaggio che il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali lancia oggi una campagna di sensibilizzazione sul tema della sicurezza sul lavoro.

Con spot in onda sulle reti RAI televisive e radiofoniche, il Dicastero ricorda da un lato il proprio impegno istituzionale che ha portato il Governo a varare stringenti misure sulla sicurezza, più attività di formazione, maggiori controlli e sanzioni; dall’altro, pone in risalto quanto la partecipazione e il senso di responsabilità di tutti possano contribuire a cambiare gli eventi, a tornare “ogni giorno a casa”, come recita il testo dello spot.

Un richiamo a ciascuno dei protagonisti – lavoratori e datori di lavoro, parti sociali, stakeholders e anche all’opinione pubblica – affinché la strategia di contrasto agli incidenti sul lavoro passi pure attraverso l’impegno, l’attenzione e la sensibilità di tutti.

Diciamo insieme basta agli incidenti sul lavoro“, è il coinvolgente appello dello spot nella consapevolezza che le regole da sole non bastano e che il contributo di ognuno è indispensabile per accrescere e incoraggiare un diffuso senso di responsabilità e realizzare davvero la piena sicurezza sul lavoro.