Decreto 17 Febbraio 2022

Decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali 17 febbraio 2022, n. 28

“Direttiva generale per l’azione amministrativa e la gestione per l’anno 2022”. La Direttiva di cui si tratta è adottata congiuntamente al Piano della Performance del Ministero del Lavoro, nelle more dell’adozione del Piano Integrato di Attività e Organizzazione (PIAO). Sono esplicitate le linee di azione e gli obiettivi strategici ed operativi in capo ai Dirigenti di primo livello del MLPS, da svilupparsi nel corso del 2022, evidenziando tra l’altro: attuazione della riforma del sistema degli ammortizzatori sociali (in un’ottica universalistica); rafforzamento dei Centri per l’impiego, della qualità dei Servizi per il lavoro e del sistema delle politiche attive del lavoro (integrate con quelle sociali); rafforzamento delle politiche di prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali; innalzamento della partecipazione delle donne al mercato del lavoro e riduzione del gap di genere; attenzione alle nuove tipologie contrattuali e alle nuove forme di lavori atipici; miglioramento del legame tra le politiche industriali e quelle di integrazione salariale; prosecuzione dell’implementazione del Reddito di cittadinanza (RdC); implementazione delle nuove modalità di organizzazione del lavoro.

Nello specificare che il Segretariato generale svolge la funzione di coordinamento e di continuità amministrativa, sono declinati i compiti di ciascuna delle 10 Direzioni Generali del MLPS. Con riferimento alla DG delle politiche attive del lavoro, di nuova istituzione, compito è di fornire supporto per l’individuazione delle linee di indirizzo delle politiche attive del lavoro. Provvede inoltre al monitoraggio e all’elaborazione dei dati relativi alle politiche occupazionali, nonché garantisce l’azione di consolidamento dell’offerta di istruzione e formazione professionale (IeFP) tranmite il potenziamento dell’apprendistato duale. Assicura il supporto nella definizione dei LEP, curando altresì la definizione delle linee guida in materia di collocamento mirato. Garantisce quindi la gestione delle risorse destinate ad ANPAL e alle Regioni per il concorso alle spese di funzionamento dei Centri per l’impiego. Da ultimo, coordina la materia degli incentivi all’occupazione e svolge le funzioni di autorità di audit dei Fondi strutturali e di investimento europei (Fondi SIE), per i Programmi Operativi del Ministero del Lavoro e dell’ANPAL.


La Direzione generale per la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro di nuova istituzione, con il compito specifico di vigilare e monitorare l’attuazione, nei luoghi di lavoro, della disciplina sulla sicurezza e salute dei lavoratori, coadiuverà il Segretariato generale nella vigilanza sull’Ispettorato nazionale del lavoro, nonché nella promozione e diffusione degli strumenti di prevenzione e le buone prassi in materia di prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali.

Assicurerà il funzionamento della Commissione consultiva permanente per la salute e la sicurezza sul lavoro e gestirà il trasferimento agli enti previdenziali delle risorse finanziarie in materia di infortuni sul lavoro e malattie professionali.

In coerenza con l’obiettivo di rafforzamento delle tutele e dei diritti dei lavoratori, curerà la promozione e attuazione delle politiche e della disciplina per la tutela della salute e della sicurezza sul lavoro e sostegno alle famiglie delle vittime di infortuni sul lavoro e l’attuazione e l’aggiornamento della legislazione in materia di tutela della salute e sicurezza sul lavoro, in coerenza con le direttive europee e con le convenzioni dell’OIL.

Assicurerà l’implementazione e studio di norme tecniche, buone prassi e strumenti di supporto alle imprese, in collaborazione con l’INAIL.

Particolare attenzione dovrà quindi essere rivolta dalla nuova direzione generale alla realizzazione ed efficacia operativa del SINP nonché all’implementazione delle attività ispettive da parte dell’Ispettorato nazionale del lavoro, oltre che alla diffusione della cultura della legalità sui luoghi di lavoro.

Assicurerà l’impegno profuso dall’Amministrazione per il lavoro dignitoso e contro il lavoro sommerso, lo sfruttamento e il caporalato, allargando a tutti i settori interessati da questi fenomeni, attività di vigilanza e monitoraggio anche, nello specifico, del “Piano triennale di contrasto allo sfruttamento lavorativo in agricoltura e al caporalato 2020 – 2022”, in sinergia con tutti gli attori che l’hanno adottato. Gestirà il Fondo speciale infortuni e il Fondo vittime gravi infortuni sul lavoro, nonché per le attività promozionali destinate alle piccole e medie imprese e agli istituti di istruzione primaria e secondaria.

DOWNLOAD DOCUMENTI
Portaleconsulenti documenti da scaricare

D lgs 81 febbraio 2022

EDIZIONE AGGIORNATA FEBBRAIO 2022

VERSIONE CURATA E AGGIORNATA DAGLI INGG. AMATO E DI FIORE

Novità in questa versione:

  • Corretti alcuni refusi agli artt. 8, 13, comma 4, 14, commi, 1, 7, 9 e 10 e 19;
  • Inserito il Decreto Ministeriale n. 61 del 23/05/2018 di recepimento dello strumento di supporto, rivolto alle micro, piccole e medie imprese, per la valutazione dei rischi sviluppato secondo il prototipo europeo OiRA, dedicato al settore “Uffici”;
  • Inserita Nota per evidenziare che dal 12 marzo 2021, a conclusione di un periodo di transizione di tre anni dalla pubblicazione, la norma UNI ISO 45001:2018 ha sostituito la BS OHSAS 18001:2007, come unico riferimento per la certificazione dei sistemi di gestione per la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro;
  • Inserita Nota alla circolare INAIL n. 44/2020 del 11/12/2020 riguardante la comunicazione INAIL del 27/12/2021, sulla proroga dei termini della sorveglianza sanitaria eccezionale;
  • Inserita la lettera circolare INL prot. n. 29 del 11/01/2022 ad oggetto “art. 13, D.L. n. 146/2021 conv. da L. n. 215/2021 – obbligo di comunicazione dei lavoratori autonomi occasionali”;
  • Inserita la Nota INL prot. n. 109 del 27/01/2022 ad oggetto “art. 13, D.L. n. 146/2021 conv. da L. n. 215/2021 – obbligo di comunicazione dei lavoratori autonomi occasionali – ulteriori chiarimenti”;
  • Sostituito il Decreto Direttoriale n. 65 del 26 ottobre 2021 con il Decreto Direttoriale n. 1 del 13 gennaio 2022 – Ventinovesimo elenco dei soggetti abilitati per l’effettuazione delle verifiche periodiche di cui all’art. 71 comma 11 (LINK ESTERNO all’Allegato).
  • Inserita la Nota INL prot. n. 151 del 02/02/2022 ad oggetto “richiesta parere su condizioni di revoca del provvedimento di sospensione ex art. 14 D.Lgs. n. 81/2008.”;
  • DOWNLOAD DOCUMENTI
    Portaleconsulenti documenti da scaricare

SISTEMA DI MONITORAGGIO DELLE NEOPLASIE A BASSA FRAZIONE EZIOLOGICA

RENALOCCAM IL SISTEMA DI MONITORAGGIO DELLE NEOPLASIE A BASSA FRAZIONE EZIOLOGICA

Manuale INAIL 2021

“La monografia presenta i risultati dell’attività scientifica frutto dell’Accordo di collaborazione fra Inail e Istituto per lo Studio, la Prevenzione e la Rete Oncologica di Firenze finalizzata all’attuazione del sistema di monitoraggio per la sorveglianza epidemiologica dei tumori professionali a bassa frazione eziologica previsto dall’art.244 del d.lgs. 81/2008 e s.m.i. .

Il d.lgs. 81/2008, in attuazione dell’art. 1 della l. 123/2007, ha riordinato il quadro normativo di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.

In particolare per i temi della sorveglianza epidemiologica e della registrazione dei tumori di origine professionale, la norma prevede all’art. 244 l’istituzione di un Registro nazionale dei casi di neoplasia di sospetta origine professionale presso l’Inail, con un ruolo centrale delle Regioni e Province autonome attraverso i Centri operativi regionali (COR) nell’identificazione dei casi e nella definizione delle circostanze di esposizione professionale coinvolte nell’eziologia.

All’Inail sono assegnati i ruoli di destinatario dei flussi e di ente di riferimento per l’intero sistema nazionale.

Il Registro nazionale dei casi di neoplasia di sospetta origine professionale si articola in tre sezioni:
▪ Registro nazionale dei mesoteliomi (ReNaM);
▪ Registro nazionale dei tumori nasali e sinusali (ReNaTuNS);
▪ Registro nazionale delle neoplasie a bassa frazione eziologica (ReNaLOCCAM).

I registri dei tumori professionali ad alta frazione eziologica (ReNaM e ReNaTuNS) hanno iniziato la loro attività già da qualche anno e il flusso per la rilevazione dei dati è ormai consolidato.

La ricerca attiva dei tumori professionali a bassa frazione eziologica, invece, presenta difficoltà ad avviarsi a causa della componente eziologica professionale più bassa rispetto ai mesoteliomi e ai tumori naso-sinusali e al gettito complessivo di casi per anno molto rilevante (tumori del polmone, della vescica, della laringe, leucemie e linfomi, oltre ai carcinomi cutanei e ai melanomi) [1,2].

L’obiettivo di questo manuale è standardizzare le procedure del flusso informativo che comprende la raccolta dei dati e la stima dei rischi per sede neoplastica e comparto lavorativo, e l’approfondimento delle occasioni di esposizione.

Tale approfondimento, momento fondamentale per la definizione del caso, prevede la scelta di criteri per la selezione dei casi da analizzare, la raccolta di informazioni aggiuntive acquisite mediante apposita intervista, la definizione dell’esposizione per l’accertamento dell’origine professionale.

Questo volume intende rappresentare un testo di riferimento per i Centri operativi regionali (COR-TP) che si accingono ad avviare metodi di ricerca attiva per l’identificazione dei casi di tumore a bassa frazione eziologica utilizzando i risultati prodotti con il metodo noto in letteratura come OCCAM (OCcupational CAncer Monitoring).


Portale rivista numero 34 / 2021

LAVORO DIRITTO NEGATO

Il vero passo della ripresa si misurerà dai dati di incremento dell’occupazione. Con l’approssimarsi dell’autunno il governo è al lavoro per adeguarsi alle richieste dell’Europa, ma non solo.

L’obiettivo è quello di organizzare, finalmente, politiche attive del lavoro serie e concrete. Politiche che non solo puntino ad un obiettivo preciso ma che, senza indugi ed entro il 2025, lo raggiungano.

Strumento principe del nuovo corso sarà il “Gol”, acronimo che nulla ha a che fare con il calcio tranne una piacevole assonanza che induce all’ottimismo. La sigla, infatti, significa Garanzia di occupabilità dei lavoratori.

Lo strumento che dovrebbe fornire la possibilità di entrata o rientro per talune categorie rimaste o finite ai margini del mondo del lavoro.

Presentato nei giorni scorsi alle parti sociali inizia l’iter. Il ministro Andrea Orlando spera di renderlo operativo quanto prima. Gli italiani, soprattutto donne, disoccupati di lungo corso, neet e over 55, sperano che questa volta funzioni.

Solo il tempo darà risposte. Intanto si guarda anche ai mercati. La ripresa per l’Italia è una “missione”, impegnativa e da non perdere perché stavolta, paradossalmente, la crisi generata dalla
pandemia ha provocato un cambio di rotta nelle politiche Ue tali da aprire nuove opportunità. Sapremo coglierle? Sfida ardua ma non impossibile se, per una volta, si lavorerà davvero guardando all’interesse collettivo della nazione e non a quelli di singoli o lobby.

Eccovi, dunque, alcuni spunti di riflessione. Tutti da leggere

scarica dal portale
portale consulenti download

sicurezza ambiente qualità E-learning HSE, Banca dati

Privacy e Coronavirus

Raccolta delle principali disposizioni adottate in relazione allo stato di emergenza epidemiologica da Covid-19 aventi implicazioni in materia di protezione dei dati personali Privacy e Coronavirus Raccolta delle principali disposizioni … Read More

Stralciati dal prossimo Decreto semplificazioni aspetti riguardanti la sicurezza

Saranno stralciati dal prossimo Decreto semplificazioni gli aspetti riguardanti la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro e le modifiche che avrebbero dovuto modificare aspetti del Testo Unico. Semplificazioni: … Read More

Interrogazione a risposta in Commissione, BOCCUZZI

Pagina di prigine : http://nuovo.camera.it/417?idSeduta=541&resoconto=bt60&param=bt60 Allegato B Seduta n. 541 del 25/10/2011 … LAVORO E POLITICHE SOCIALI Interrogazione a risposta in Commissione: BOCCUZZI. – Al Ministro del lavoro e delle … Read More

parapetti di sommità  dei ponteggi

Possibile impiego come protezione collettiva per lo svolgimento delle attività  in copertura parapetti di sommità  dei ponteggi Pubblicazione realizzata da Inail 2017 Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli impianti, prodotti … Read More

Dispositivi di Protezione Individuale incendi boschivi

Definizione dei requisiti e delle caratteristiche dei Dispositivi di Protezione Individuale – DPI da utilizzare per le operazioni di lotta attiva agli incendi boschivi sul territorio della Regione Lazio.Determinazione – … Read More

Stress termico ambientale

ISPETTORATO NAZIONALE DEL LAVORO Nota 2 luglio 2021, n. 4639 Tutela dei lavoratori – Stress termico ambientale In considerazione dei rischi cui risultano esposti i lavoratori in conseguenza delle condizioni … Read More

ISO 45001 – Salute e sicurezza sul lavoro

Le società  certificate in OHSAS avranno tre anni per effettuare la migrazione ISO 45001 – Salute e sicurezza sul lavoro Più di 7 600 persone muoiono ogni giorno per incidenti … Read More

Convegno, Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro

Roma, 3-4 luglio 2014 Auditorium Inail, P.le G. Pastore 6 Il progetto INSuLA si propone di realizzare la prima survey nazionale sulla percezione del rischio per la salute e sicurezza … Read More

Interpello n. 1/ 2020 Sicurezza

art. 71 comma 7 e art. 73 comma 4 del D.Lgs. 81/08 Interpello n. 1/ 2020 Sicurezza Oggetto: Interpello ai sensi dell'articolo 12 del d.lgs. n. 81/2008 e successive modificazioni … Read More

Adozione del modello semplificato e unificato per la richiesta di autorizzazione unica ambientale

Adozione del modello semplificato e unificato per la richiesta di autorizzazione unica ambientale – AUA DECRETO 8 maggio 2015 Finalità  e ambito di applicazioneAi sensi dell'art. 10, comma 3, del … Read More

manuale di buone pratiche di igiene per le microimprese alimentari

Progetto di semplificazione dell'autocontrollo Regione Lombardia manuale di buone pratiche di igiene per le microimprese alimentari Revisionato in collaborazione con l'Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia ed Emilia Romagna, sede di … Read More

Formazione generale e Formazione specifica e-learning Regione Sardegna

DELIBERAZIONE N. 42/46 DEL 23.10.2012 Oggetto:”  Formazione specifica dei lavoratori e dei preposti ai sensi dell'art. 37 D.Lgs n. 81/2008. Erogazione in modalità  e-learning. Provvedimenti attuativi. L'Assessore del Lavoro ricorda … Read More

Direttiva Macchine, certificazione delle competenze, incendio ed esplosione

News sicurezza ambiente qualità  E-learning HSE, Banca dati Newsletter 4 del 4 Febbraio 2021, Direttiva Macchine, certificazione delle competenze, incendio ed esplosione.

In caso di difficoltà  nel recupero credenziali, non esiti a inviare una mail a mail@portaleconsulenti.it.

Ricordiamo che l’accesso al Portale è Gratuito per l’utilizzo dell’intera Banca Dati.

pORTALECONSULENTI

Videosorveglianza domande più frequenti

ABC della Sicurezza ad uso dei lavoratori Videosorveglianza domande più frequenti Faq garante per la protezione dei dati personali Quali sono le regole da rispettare per installare sistemi di videosorveglianza?

BANCA DATI
pORTALECONSULENTI

La Direttiva Macchine Dubbi e Perplessità

La Direttiva Macchine Dubbi e Perplessità ABC della Sicurezza ad uso dei lavoratori A cura dell’ufficio Ambiente Salute e Sicurezza Uilm Nazionale Versione Gennaio 2021 Con questo contenuto, vogliamo

BANCA DATI
pORTALECONSULENTI Linee guida certificazione delle competenze

Linee guida per l’interoperatività degli enti pubblici titolari nell’ambito del Sistema nazionale di certificazione delle competenze Il Ministero del Lavoro informa circa la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n.13 del 18 gennaio 2021
BANCA DATI
pORTALECONSULENTI Sollevamento persone

Ponti sospesi Apparecchi di sollevamento persone I ponti sospesi e relativi argani rientrano tra le attrezzature di lavoro soggette al regime di verifica periodica previsto dall’art. 71 del d.lgs. 81/0
BANCA DATI
pORTALECONSULENTI Inail – Regioni sulle malattie professionali

La rilevazione delle malattie professionali secondo il modello Malprof, si basa su un flusso dati che dai servizi di Prevenzione delle Asl pervengono ad Inail Ricerca per poter costituire una …

BANCA DATI
pORTALECONSULENTI Rischio incendio ed esplosione

Rischio incendio La pubblicazione si inserisce nell’ambito di una collaborazione tra Inail e Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco, finalizzata a incidere sulla riduzione degli infortuni sul lavoro
BANCA DATI
pORTALECONSULENTI

COVID-19 E RITORNO AL LAVORO

Adeguare i luoghi di lavoro e proteggere i lavoratori Aggiornamento: dicembre 2020 Contesto e ambito di applicazione degli orientamenti I seguenti orientamenti di carattere non vincolante mirano ad aiutare dator
BANCA DATI
pORTALECONSULENTI

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DA AGENTI FISICI

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DA AGENTI FISICI: FACCIAMO IL PUNTO Iole Pinto A.U.S.L. Toscana Sud Est Laboratorio di Sanità Pubblica Siena Laboratorio Agenti Fisici Centro LAT Acustica n.164 Articolo 181
BANCA DATI
pORTALECONSULENTI

Agenti Fisici

La valutazione del rischio da Agenti Fisici ed il Portale  Agenti Fisici: facciamo il punto. Pietro Nataletti Dipartimento di medicina, epidemiologia, igiene del lavoro e ambientale, INAIL, Roma Seminario
BANCA DATI
pORTALECONSULENTI

Bollettino trimestrale sui finanziamenti alla ricerca

Finanziamenti alla ricerca Lo scorso marzo la Commissione europea ha adottato un nuovo piano d’azione per l’economia circolare, uno dei principali elementi del Green Deal europeo, il nuovo programma
BANCA DATI

 

Newsletter 3 del 26 Gennaio 2021, Licenziamenti, Lavoro Notturno, malattie professionali, interpello. Leggi

Siamo alla ricerca di writer editor che vogliono collaborare con il PortaleConsulenti.  Scopri di più

Cliccando sul link del gruppo potrai ricevere le notifiche direttamente da Linkedin ed essere aggiornato costantemente sulle novità  in ambito HSE sicurezza ambiente qualità  E-learning

Newsletter 4 del 4 Febbraio 2021

AGGIORNAMENTI IN MATERIA DI REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI

DECRETO 11 gennaio 2017 Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

AGGIORNAMENTI IN MATERIA DI REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI

E-learningAdozione dei criteri ambientali minimi per gli arredi per interni, per l’edilizia e per i prodotti tessili, che ha introdotto specifici valori dei requisiti acustici passivi da rispettare nell’ “«Affidamento di servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici pubblici”» (allegato 2 punto 2.3.5.6), adeguando i criteri individuati dal DPCM 05/12/1997 “Determinazione dei requisiti acustici e passivi degli edifici”, in relazione allo stato dell’arte degli standard di buona tecnica in materia. In particolare il Decreto 11 Gennaio 2017 richiede che i valori dei requisiti acustici passivi dell’edificio corrispondano almeno a quelli della classe II ai sensi delle norma UNI 11367. Gli ospedali, le case di cura e le scuole devono soddisfare il livello di “prestazione superiore” riportato nel prospetto A.1 dell’Appendice A della norma 11367. Devono essere altresì rispettati i valori caratterizzati come “prestazione buona” nel prospetto B.1 dell’Appendice B alla norma UNI 11367.

Gli ambienti interni devono essere idonei al raggiungimento dei valori indicati per i descrittori acustici riportati nella norma UNI 11532.

I descrittori acustici da utilizzare sono:

quelli definiti nella UNI 11367 per i requisiti acustici passivi delle unità  immobiliari; 

almeno il tempo di riverberazione e lo STI per l’acustica interna agli ambienti di cui alla UNI 11532.

Verifica: Il progettista deve dare evidenza del rispetto del criterio, sia in fase di progetto iniziale che in fase di verifica finale della conformità , conseguendo rispettivamente un progetto acustico e una relazione di conformità  redatta tramite misure acustiche in opera, che attestino il raggiungimento della classe acustica prevista dal criterio e i valori dei descrittori acustici di riferimento ai sensi delle norme UNI 11367, UNI 11444, UNI 11532. News tratta dal portale Agenti Fisici

E-learningDECRETO 11 gennaio 2017 Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare