LE SOSTANZE CHIMICHE REPROTOSSICHE

Nella normativa per la tutela dei lavoratori è stata posta molta attenzione alla tutela della donna in gravidanza, ma finora la possibile esposizione a sostanze reprotossiche sembra sia stata ampiamente sottostimata.

Edizioni: Inail 2022


La fertilità

Lo Scientific Committee on Occupational Exposure Limits nel 2013 ha definito la fertilità come ‘i processi che sottostanno alla capacità di un uomo e una donna di iniziare una gravidanza’; in dettaglio ha definito gli effetti avversi per la fertilità come ‘effetti avversi sulla libido, il desiderio sessuale, la spermatogenesi/oogenesi, ogni interferenza con l’attività ormonale o i parametri fisiologici che può incidere sulla abilità di fecondazione, impianto o sviluppo dell’embrione’.

Fattori di rischio

Fattori di rischio per la salute riproduttiva, in ambiente di lavoro, possono essere di diversa natura, quelli dovuti a sostanze chimiche sono certamente tra i più documentati.

Attualmente la normativa per la tutela della salute dei lavoratori fa ricadere la gestione delle sostanze reprotossiche all’interno del Titolo IX capo I (Protezione da agenti chimici), ma il legislatore europeo già con il regolamento REACH (reg. CE1907/2006) le ha inserite tra le sostanze di ‘grande preoccupazione’, all’interno del regime di autorizzazione.

Considerando le evidenze emerse negli ultimi anni, si è ritenuto di aggiornare la direttiva 2004/37/CE, relativa alla gestione delle sostanze cancerogene e mutagene in ambiente di lavoro, con l’inserimento anche delle sostanze reprotossiche.

È stata quindi emanata il 09/03/2022 la direttiva UE 2022/431 del Parlamento europeo e del Consiglio, il cui recepimento è previsto entro febbraio 2024, e prevede misure di gestione del rischio più stringenti e tutelanti in caso di esposizione a reprotossici in ambiente di lavoro.

DIMENSIONE DEL PROBLEMA (Le sostanze chimiche)

Negli ultimi 20 anni c’è stato un incremento di coppie infertili che ricorrono a centri di fecondazione assistita.

È stato stimato che circa il 15% delle coppie presenta problemi di fertilità.

Nella normativa per la tutela dei lavoratori è stata posta molta attenzione alla tutela della donna in gravidanza, ma finora la possibile esposizione a sostanze reprotossiche, in particolare anche per la popolazione maschile, sembra sia stata ampiamente sottostimata.

Le sostanze chimiche per cui sono state identificate caratteristiche di pericolosità legate alla tossicità riproduttiva sono circa 150 in Unione europea, classificate come: tossici per la riproduzione di categoria 1A (sostanze note per causare effetti avversi sulla salute riproduttiva nell’essere umano) e categoria 1B (sostanze presumibilmente tossiche per la salute riproduttiva umana).

download Le sostanze chimiche

Allegati

Fattori di rischio di cancro in Europa

Indagine sull’esposizione dei lavoratori sui fattori di rischio di cancro in Europa


L’indagine sull’esposizione dei lavoratori dell’EU-OSHA sui fattori di rischio di cancro in Europa esamina il modo in cui i lavoratori europei sono esposti a una selezione di fattori di rischio di cancro. Migliaia di lavoratori in sei paesi sono invitati a rispondere a domande incentrate sulle loro attività quotidiane e adattate al loro lavoro attuale.

Con il cancro che rappresenta circa il 53 % di tutti i decessi legati al lavoro nell’UE e in altri paesi sviluppati, dati affidabili sull’esposizione sul luogo di lavoro ai fattori di rischio del cancro sono essenziali sia per la sicurezza e la salute dei lavoratori che per un’economia produttiva e sostenibile.

EU-OSHA fattori di rischio

EU-OSHA sta conducendo un’indagine sull’esposizione dei lavoratori sui fattori di rischio di cancro in Europa per identificare meglio i fattori di rischio di cancro responsabili della maggior parte delle esposizioni.

L’indagine esamina anche le situazioni di esposizione più prevalenti e il numero e le caratteristiche dei lavoratori esposti a una serie di fattori di rischio di cancro, tra cui amianto, benzene, cromo, gas di scarico del diesel, nichel, polvere di silice, radiazioni UV, polvere di legno e altri.

L’obiettivo dell’indagine è quello di indirizzare meglio le campagne di sensibilizzazione e le misure preventive e di contribuire all’elaborazione di politiche basate su dati concreti.

L’indagine cerca inoltre di fornire informazioni che potrebbero contribuire all’aggiornamento della legislazione dell’UE, ove opportuno, per migliorare la protezione contro le sostanze pericolose e combattere il cancro sul lavoro, in particolare per quanto riguarda la preparazione di possibili future proposte di modifica della direttiva sugli agenti cancerogeni, mutageni e tossici per la riproduzione .

Inoltre, questa indagine dovrebbe contribuire alle azioni in materia di SSL del Piano europeo contro il cancro e sostenere uno degli obiettivi chiave del quadro strategico dell’UE sulla salute e sicurezza sul lavoro 2021-2027 sul miglioramento della prevenzione delle malattie legate al lavoro, in cancro particolare.

Fasi di indagine fattori di rischio

2017

È stato completato uno studio di fattibilità su un’indagine per valutare l’esposizione dei lavoratori ad agenti cancerogeni , basata su un’indagine australiana di successo che utilizza uno strumento innovativo per valutare l’esposizione professionale (Occupational Integrated Database Exposure Assessment System, OccIDEAS ).

2020

Sono iniziati i lavori preparatori per individuare i paesi in cui l’indagine sarebbe stata inizialmente svolta e avviare i primi passi per la preparazione della metodologia e l’adattamento del modello australiano al contesto europeo, utilizzando la stessa applicazione dell’indagine australiana ( OccIDEAS ).

2021 e 2022

Il sondaggio è stato sviluppato, adattato e tradotto. Nella primavera del 2022 è stato effettuato un test pilota. L’indagine è sul campo da settembre 2022 a gennaio 2023 in sei Stati membri dell’UE: Finlandia, Francia, Germania, Ungheria, Irlanda e Spagna. Intervistatori qualificati chiameranno i lavoratori sul loro cellulare per completare quasi 25.000 questionari.

2023 e 2024

La pubblicazione dei primi risultati è prevista per la fine del 2023. L’EU-OSHA pubblicherà anche una relazione che descrive la metodologia innovativa. I risultati dell’indagine saranno integrati da analisi secondarie che prevedono approfondimenti su temi specifici.

Finanziamenti, Bonus 200 euro, fattori di rischio, cibersicurezza

portaleconsulenti
portale consulenti

News sicurezza, ambiente, qualità,  E-learning, Formazione,  Competenze. Newsletter 24 del 23 Giugno 2022, Finanziamenti, Bonus 200 euro, fattori di rischio, cibersicurezza.

In caso di difficoltà  nel recupero credenziali, non esiti a inviare una mail a mail@portaleconsulenti.it.

Ricordiamo che l’accesso al Portale è Gratuito per l’utilizzo dell’intera Banca Dati.


Monitoraggio fattori di rischio

 

Pre.Vi.S.: il sistema di monitoraggio dei fattori di rischio lavorativo attraverso l’attività di vigilanza Prodotto: Volume Edizioni Inail – 2022 salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Sul versante della …LEGGI TUTTO


Vademecum sugli incendi di interfaccia

 

Incendi di interfaccia.  Sono stati presentati il 20 giugno dai Vigili del Fuoco un opuscolo e una brochure sulla prevenzione e sulla gestione degli incendi che possono verificarsi nei dintorni delle abitazioni. … LEGGI TUTTO


Finanziamenti macchinari, impianti e attrezzature

 

Il Ministero dello sviluppo economico ha pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 139 del 16 giugno 2022, il Decreto 22 aprile 2022 riguardante la “Nuova disciplina per la concessione ed erogazione …LEGGI TUTTO


Misurazione rumore impianti eolici

 

MINISTERO DELLA TRANSIZIONE ECOLOGICA DECRETO 1 giugno 2022 Determinazione dei criteri per la misurazione del rumore emesso dagli impianti eolici e per il contenimento del relativo inquinamento acustico. (22A03580) (GU Serie Generale …LEGGI TUTTO


Bonus 200 euro competenze luglio 2022

 

L’INPS, con il messaggio n. 2505 del 21 giugno 2022, in merito all’erogazione dell’indennità una tantum di 200 ai lavoratori dipendenti (ai sensi dell’articolo 31 del decreto-legge n. 50/2022), precisa quale sia “la retribuzione … LEGGI TUTTO


L’accessibilità all’apprendimento

 

L’accessibilità all’apprendimento è fondamentale per tutti i membri di un’azienda. La connessione con persone provenienti da ogni parte del mondo. L’e-learning ha permesso di ridurre le distanza tra persone ed …LEGGI TUTTO


Valutazione dell’eutrofizzazione nelle acque di transizione

 

Linee Guida per l’applicazione della metodica per la valutazione dell’eutrofizzazione nelle acque di transizione Linee Guida SNPA n. 42/2022 – ISBN: 978-88-448-1112-9 La presente Linea Guida fornisce gli elementi tecnici …LEGGI TUTTO


Cibersicurezza e assunzioni

 

Documenti di discussione sul futuro del lavoro: cibersicurezza e assunzioni L’UE sta adottando misure per affrontare le sfide in materia di cibersicurezza. accrescere la ciberresilienza combattere la criminalità informatica rafforzare la …LEGGI TUTTO


COGNITIVE COMPUTING E LINGUAGGIO NATURALE

 

COGNITIVE COMPUTING E LINGUAGGIO NATURALE PER L’ANALISI DELL’EVOLUZIONE DEI BANDI ISI 2014-2018 Applicazione delle risorse cognitive all’analisi dei bandi di finanziamento alle imprese per la realizzazione di interventi in materia …LEGGI TUTTO


Bonus, Formazione, Fondo nuove competenze, Cybersicurezza

 

News sicurezza, ambiente, qualità,  E-learning, Formazione,  Competenze. Newsletter 23 del 15 Giugno 2022, Bonus, Formazione, Fondo nuove competenze, Cybersicurezza, Enti Terzo settore, sicurezza lavoro. In caso di difficoltà  nel recupero … LEGGI TUTTO


Siamo alla ricerca di writer editor che vogliono collaborare con il PortaleConsulenti. Scopri di più

Gruppo linkedin del Portale Consulenti

Cliccando sul link del gruppo potrai ricevere le notifiche direttamente da Linkedin ed essere aggiornato costantemente sulle novità  in ambito HSE sicurezza ambiente qualità  E-learning

Newsletter 24 del 23 Giugno 2022

Monitoraggio fattori di rischio

Pre.Vi.S.: il sistema di monitoraggio dei fattori di rischio lavorativo attraverso l’attività di vigilanza

Prodotto: Volume Edizioni Inail – 2022


salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Sul versante della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, il Piano nazionale della prevenzione 2020 – 2025 individua tra le azioni da intraprendere, per ridurre gli infortuni e le malattie professionali, il perfezionamento dei sistemi di conoscenza dei rischi e dei danni da lavoro, partendo dai sistemi già attivi, tra cui il sistema di sorveglianza nazionale degli infortuni mortali e gravi Infor.Mo.

Il Piano, quale strumento di pianificazione nazionale delle attività di promozione della salute e di prevenzione da attuare sul territorio per opera delle Regioni e Province Autonome, raccoglie gli indirizzi definiti dalle strategie dell’Unione Europea, in cui proprio il miglioramento della raccolta dei dati statistici e lo sviluppo della base di informazioni risulta uno degli obiettivi del Quadro strategico.


Il modello di analisi Pre.Vi.S (Prevenzione, Vigilanza e Soluzioni) è stato definito con lo
scopo di registrare i fattori di rischio presenti nei luoghi di lavoro e gli interventi prescritti che emergono dall’attività di vigilanza degli Ufficiali di Polizia Giudiziaria (UPG) delle Asl.

L’analisi viene effettuata, dunque, su ogni singolo verbale di prescrizione redatto in fase di sopralluogo in azienda e fornito al sistema Pre.Vi.S privo di dati sensibili. Ogni verbale può contenere una o più violazioni e ogni violazione, a sua volta, può avere ad oggetto più problematiche specifiche.

Infatti nell’ambito del progetto ‘L’approfondimento dei fattori di rischio lavorativi e l’individuazione delle soluzioni per le aziende attraverso le attività di vigilanza e assistenza da parte delle Istituzioni’, sostenuto dal Centro nazionale per la prevenzione e il controllo delle malattie (CCM) del Ministero della salute e coordinato dalla sezione Sistemi di sorveglianza e gestione integrata del rischio del Dimeila Inail in collaborazione con le Asl di Regioni e Province Autonome, è stato effettuato lo studio pilota per l’applicazione del modello Pre.Vi.S attraverso la rilevazione e l’analisi dei verbali di prescrizione redatti negli anni 2017 e 2018 dalle unità operative territoriali.

Tale sperimentazione è stata condotta a seguito dello studio di fattibilità di un precedente progetto CCM dal titolo ‘Il Sistema Infor.Mo per la sorveglianza dei fattori di rischio infortunistico e per la programmazione degli interventi di prevenzione’, sempre in collaborazione con le Asl di alcune Regioni e Province Autonome, che aveva consentito di mettere a punto il primo modello di rilevazione Pre.Vi.S.

download
download