Stoccaggio del Carbonio: cos’è e come funziona

Cattura e stoccaggio del carbonio

Il recente patto sul clima di Glasgow ha impegnato 197 paesi a “ridurre gradualmente il carbone senza sosta”. Il carbone senza sosta si riferisce a quando le centrali elettriche o le fabbriche bruciano carbone senza catturare e immagazzinare l’anidride carbonica (CO₂) generata.

La cattura e lo stoccaggio del carbonio riguardano una particolare tecnologia che prevede di “sequestrare” la CO2 quando viene prodotta, prima che venga emessa nell’atmosfera e, quindi, prevenendo un suo futuro accumulo.

Questo processo pare possa catturare fino al 90% dell’anidride carbonica generata. Una volta catturato, il gas viene portato in una struttura apposita e stoccato.

Poiché il mondo ha fatto così pochi progressi nell’eliminazione di carbone, petrolio e gas fossile, i modellisti climatici prevedono un certo uso della cattura e dello stoccaggio del carbonio, se necessario per raggiungere le emissioni zero in tempo sufficiente per evitare un riscaldamento catastrofico.

La tecnologia per catturare il carbonio è in fase di sviluppo, ma rimane una domanda scottante: dove dovremmo immagazzinare tutto quel carbonio sulla Terra?

Diversi metodi di cattura del carbonio avranno luogo in diversi siti. Alcuni comportano l’assorbimento delle emissioni subito dopo la combustione di combustibili fossili in camini e ciminiere dove la CO₂ è altamente concentrata. Altri metodi catturano il carbonio direttamente dall’aria, utilizzando reazioni chimiche che legano il carbonio utilizzando molta energia o coltivando piante affamate di carbonio che possono essere bruciate per produrre energia e le emissioni risultanti successivamente catturate.

I finanziamenti per la cattura e lo stoccaggio del carbonio sono insufficienti . Al ritmo attuale di implementazione, entro il 2050 verranno aggiunti 700 milioni di tonnellate di capacità di stoccaggio di CO₂, il 10% di quanto richiesto .

I paesi dovrebbero aumentare massicciamente gli investimenti per essere conformi all’obiettivo dell’accordo di Parigi di limitare il riscaldamento globale a 1,5°C. Parte di questo denaro sarebbe un finanziamento pubblico e la gente si aspetterebbe ragionevolmente che finanzi progetti moralmente sani.

Da un lato, potrebbe essere ritenuto importante sviluppare siti di stoccaggio con le migliori prospettive per lo stoccaggio di grandi quantità di gas serra per la durata più lunga. Questa argomentazione sostiene che la considerazione più importante per l’implementazione della cattura e dello stoccaggio del carbonio è dare il maggior contributo possibile all’arresto del cambiamento climatico.

Per dare ai siti di stoccaggio del carbonio le maggiori possibilità di successo, ha senso svilupparli in luoghi dove la geologia è stata esplorata a fondo e dove c’è molta competenza pertinente.

Ciò implicherebbe il pompaggio di carbonio nei siti di stoccaggio sotterranei nel nord Europa, nel Medio Oriente e negli Stati Uniti, dove le aziende hanno trascorso secoli a cercare ed estrarre combustibili fossili. L’immagazzinamento del carbonio è più o meno l’opposto dell’estrazione dal suolo e c’è un’opportunità per i lavoratori dell’industria petrolifera e del gas di prestare le proprie capacità e competenze a questo sforzo.

D’altra parte, potrebbe essere importante sviluppare siti di stoccaggio in economie in cui la domanda attuale e futura per la cattura e lo stoccaggio del carbonio è maggiore. Questi obiettivi in competizione spingono in direzioni diverse. Le regioni con le migliori prospettive non sono spesso quelle con il maggior fabbisogno atteso.

Lo sviluppo di siti di stoccaggio in economie in cui la domanda prevista per la cattura del carbonio è più elevata favorisce in modo schiacciante le regioni in via di sviluppo dell’Asia.

In India e Cina, ad esempio, le centrali elettriche a carbone e i cementifici sono costosi da smantellare e avranno bisogno di molta capacità di cattura e stoccaggio del carbonio per decarbonizzarsi .

Se si prevede che le regioni in via di sviluppo decarbonizzarsi senza un supporto sufficiente per implementare la cattura e lo stoccaggio del carbonio, potrebbe significare che devono rallentare lo sviluppo per ridurre le emissioni.

Non ci sono risposte facili in questo dibattito. Aumentare la capacità di cattura e stoccaggio del carbonio il più rapidamente possibile potrebbe avvantaggiare le generazioni future riducendo la gravità del cambiamento climatico. Quindi, potresti sostenere che lo sviluppo dei siti più promettenti in Europa è il modo migliore per andare avanti. Ma dirigere gli investimenti per gli impianti di stoccaggio dai paesi ricchi alle regioni in via di sviluppo potrebbe aiutare a far fronte al debito che il primo ha nei confronti del secondo per aver causato il peso maggiore della crisi climatica.

I leader mondiali dovrebbero riconoscere questo dilemma morale e considerare le scelte con urgenza. La necessità di rimuovere e immagazzinare in modo sicuro il carbonio diventa ogni giorno più grave. Dati i tempi ei costi necessari per lo sviluppo dei siti di stoccaggio e la reale possibilità che i siti di stoccaggio non siano sufficienti per le emissioni dei paesi del carbonio, questa è una domanda che non può essere ritardata.