La perdita di odore del COVID

La perdita di odore del COVID può avere effetti profondi sulla tua vita, dal cambiamento di peso alle barriere dell’intimità

Ci è voluto del tempo per essere riconosciuto ufficialmente, ma alla fine la perdita dell’olfatto è diventata nota come una delle caratteristiche distintive del COVID-19. È ormai ampiamente riconosciuto che il COVID-19 ha un effetto unico sui recettori dell’olfatto e circa il 10% di coloro che perdono l’olfatto sta ancora segnalando problemi con l’olfatto e il gusto sei mesi dopo.

Sintetizziamo una ricerca di AbScent, che ha un gruppo di supporto online per le persone con problemi di odore post-COVID.
Ecco cosa divulgano nel report di Settembre 2021:

Parlando con le persone, siamo stati in grado di costruire un quadro degli impatti più ampi dell’odore interrotto dopo il COVID-19. Al momento della nostra ricerca, oltre 9.000 persone si erano unite al gruppo. Ogni giorno vedevamo nuovi resoconti dell’effetto devastante del cambiamento sensoriale.

Abbiamo iniziato a pubblicare domande per avere un’idea migliore di cosa stava succedendo e la risposta è stata travolgente. Le persone volevano davvero che le loro esperienze fossero ascoltate. Con il consenso dei partecipanti, abbiamo iniziato ad analizzare le loro risposte. Abbiamo esaminato ogni tema che abbiamo rilevato oltre il gruppo e li abbiamo convinti a commentare il nostro documento di ricerca prima di completarlo. Volevamo essere sicuri di raccontare correttamente le loro storie. Ecco cosa abbiamo scoperto.

Prima di andare oltre, definiamo alcuni termini chiave. L’anosmia è la perdita totale dell’olfatto. La parosmia è dove i normali odori sono distorti, di solito in modo sgradevole. Il gusto è ciò che viene captato dai recettori sulla lingua. Il sapore è l’esperienza sensoriale totale del cibo, di cui l’olfatto è il principale contributore, ma sono coinvolti anche gli altri sensi. Ciò significa che anche se il tuo gusto (lingua) è buono, la perdita dell’olfatto influenzerà seriamente il sapore.

La prima cosa che ci ha colpito è stata quanto potesse essere imprevedibile e disorientante l’esperienza della perdita sensoriale. Per alcuni, gli effetti erano assoluti:
Era come un interruttore della luce: dal 100% allo 0% in un paio d’ore… Nessun odore distorto, nessun soffio, niente. È come se il mio naso si fosse spento.

Per altri, le cose erano più fluide. L’anosmia potrebbe mutare in parosmia. Il cibo che andava bene un giorno poteva diventare disgustoso il giorno dopo. Questa “narrazione del caos” – come la chiamano i sociologi – significava che era molto difficile convivere con la perdita dell’olfatto, figuriamoci gestirla. Una condizione sulla quale non c’era controllo.

Anche l’effetto sull’appetito era imprevedibile. Come ci si poteva aspettare, le persone avevano difficoltà a mangiare, in particolare quando gli odori normali erano distorti. Alcuni stavano davvero lottando, segnalando malnutrizione e grave perdita di peso.

Meno ovviamente, alcune persone hanno riportato un aumento di peso. Di solito si trattava di persone con anosmia, che “rincorrevano il sapore” dopo aver perso il senso dell’olfatto. Puoi capirlo se ti rendi conto della distinzione tra volere e piacere in quello che gli psicologi chiamano il ciclo del piacere .

Volendo è dove stai inseguendo la cosa che stai per consumare. Il gradimento è quando lo hai e lo stai assaporando. Nell’anosmia, quella parte gustativa non c’è più, ma questo non ferma il desiderio:
Manca la soddisfazione alimentare e mi vedo mangiare di più per cercare di ottenere quella sensazione di soddisfazione… Sto ingrassando a causa di un costante bisogno di soddisfare ciò che non potrà mai essere soddisfatto.

L’intimità è un profumo
Ma non si trattava solo di cibo. Fino a quando non lo perdi, non ti rendi conto di quanto sia essenziale mangiare per le gioie quotidiane, in particolare i piaceri sociali:
Sto soffrendo per i miei sensi perduti. Niente più serate di degustazione di vini e formaggi o cocktail di gin con le mie “ragazze”.

Ancora più straziante è stato l’effetto dei cambiamenti sensoriali sulle relazioni intime. C’erano molti post in cui le persone descrivevano la solitudine di non essere più in grado di annusare il proprio partner o i propri figli. Ancora una volta, finché non se ne va, non ti rendi conto di quanto sia importante l’odore per l’intimità e la connessione. Ancora peggio fu l’effetto della parosmia:
Il suo odore naturale mi faceva desiderare di lui; ora mi fa vomitare.

Anche le relazioni di alcune persone con se stesse e con il mondo erano cambiate. Alcuni senza senso dell’olfatto hanno riferito di sentirsi distaccati da se stessi e dal mondo. Con la parosmia, potrebbe essere ancora più inquietante, con odori disgustosi innescati da odori quotidiani, che fanno sembrare il mondo un luogo pericoloso e confuso.

Per alcuni questi cambiamenti sensoriali erano, fortunatamente, temporanei. Tuttavia, a distanza di mesi, molti sono bloccati da profondi cambiamenti sensoriali, con tutto il disagio che ciò comporta. Mentre ci sono prove che l’ allenamento dell’olfatto aiuta il recupero sensoriale in altre condizioni, siamo ancora nelle prime fasi della comprensione e dello sviluppo di trattamenti per ciò che equivale a una pandemia di sensi alterati.