Consigli sulla pulizia e disinfezione delle superfici

Nelle aree esterne o in aree pubbliche, la pulizia è l’obiettivo principale.

Consigli sulla pulizia e disinfezione delle superfici

covid19Consigli sulla pulizia e disinfezione delle superfici al di fuori delle strutture sanitarie in relazione alla pandemia COVID-19
Nelle aree esterne o in aree pubbliche, la pulizia è l’obiettivo principale.
 
In generale, l’infettività  dei coronavirus sulle superfici inanimate diminuisce a seconda del materiale e delle condizioni ambientali come temperatura e umidità . Per SARS-CoV-1 è stato possibile dimostrare che il virus rimane infettivo fino a 6 giorni su determinate superfici [Rabenau 2005], ma ad es.La carta e altri materiali porosi vengono inattivati dopo un tempo molto più breve [Lai 2005]. Gli studi iniziali mostrano che SARS-CoV-2 mostra proprietà  simili [Doremalen 2020]. 
 
In generale, si può presumere che il virus rimarrà  contagioso per lungo tempo a basse temperature. Si può anche presumere che il virus rimarrà  stabile per un periodo più lungo nelle secrezioni biologiche (se contaminato). Non si può escludere una contaminazione delle superfici nelle immediate vicinanze di persone infette. Tuttavia, finora non ci sono prove di trasmissione attraverso superfici nelle aree pubbliche.
In questo contesto, si sottolinea anche che l’attuazione coerente dell’igiene delle mani è la misura più efficace contro la trasmissione di agenti patogeni su o attraverso le superfici.
 
In aree esterne o in aree pubbliche, la pulizia delle superfici è in primo piano. Ciò vale anche per le superfici alle quali vengono attribuite proprietà  antimicrobiche, poiché anche qui le secrezioni e lo sporco devono essere rimossi meccanicamente.
Se la disinfezione di alcune aree al di fuori delle strutture sanitarie sia necessaria dovrebbe essere decisa caso per caso sulla base dell’effettiva contaminazione dell’area. In questo caso, l’attenzione dovrebbe essere posta sulla contaminazione da secrezioni respiratorie e possibilmente superfici che hanno avuto frequenti contatti con le mani di una persona malata.
 
La disinfezione di routine delle superfici nelle aree domestiche e pubbliche, comprese quelle delle aree di contatto frequente, non è raccomandata nell’attuale pandemia COVID.
 
Se la disinfezione è considerata necessaria in singoli casi , dovrebbe generalmente essere eseguita come una disinfezione con un panno. La disinfezione a spruzzo, ovvero la bagnatura della superficie senza azione meccanica, è meno efficace e anche discutibile per motivi di salute e sicurezza, poiché i disinfettanti possono essere inalati.
 
Ciò non influisce sulla disinfezione nell’area clinica, ovvero nella cura di pazienti con malattia COVID-19 confermata.

Raccomandazioni sulle misure igieniche nel contesto del trattamento e della cura di pazienti con infezione da SARS-CoV-2
Le informazioni fino ad oggi disponibili sull’epidemiologia della SARS-CoV-2 mostrano che le trasmissioni avvengono in particolare in caso di contatto ravvicinato ( ad es. Cure domestiche o mediche) non protetto tra le persone. 
 
Secondo lo stato attuale delle conoscenze, la trasmissione avviene principalmente tramite secrezioni respiratorie, principalmente goccioline, in parteanche nuclei di goccioline (aerosol) che vengono rilasciati, ad esempio, quando si tossisce, starnutisce o si parla ad alta voce, nonché con determinate misure mediche o dentistiche associate alla formazione di aerosol (ad esempio broncoscopia o intubazione). 
 
Dovrebbe essere presa in considerazione anche la trasmissione indiretta, ad esempio attraverso le mani o superfici contaminate in un ambiente clinico. Dai dati precedentemente noti e dall’esperienza con altri coronavirus, sono derivate le misure igieniche basate sulla procedura per SARS e MERS. 
 
Tuttavia, i dati sull’eziologia del virus e le vie di trasmissione note fino ad oggi per SARS-CoV-2 / COVID-19 suggeriscono un coinvolgimento più pronunciato delle vie respiratorie superiori nella fase iniziale dell’infezione. L’obiettivo è evitare il più possibile la diffusione nelle strutture sanitarie.
Una protezione medica multistrato per bocca e naso è adatta per prevenire il rilascio di goccioline contenenti agenti patogeni dal rinofaringe di chi lo indossa e serve principalmente a proteggere l’altra persona (protezione esterna). Allo stesso tempo, può proteggere chi lo indossa dall’ingestione di goccioline o schizzi attraverso la bocca o il naso, ad esempio dal rinofaringe dell’altra persona (autoprotezione).
 
Per queste caratteristiche, l’uso generale è raccomandato da tutto il personale con contatto diretto a gruppi di persone particolarmente vulnerabili, anche al di fuori della cura diretta dei pazienti COVID-19, per motivi di protezione del paziente durante la pandemia (igiene di base estesa). L’uso corretto all’interno delle strutture mediche può ridurre il rischio di trasmissione ai pazienti e ad altro personale medico se il contatto è inferiore a 1,5 m.
 
I respiratori con valvola di espirazione non sono adatti per la protezione di terzi. In generale deve essere garantito un adeguato ricambio d’aria con l’immissione di aria fresca (es. Tramite ventilazione regolare) o aria filtrata all’interno.
 
Sistemazione spaziale
  • Sistemazione individuale in camera di isolamento con proprio bagno.
  • In genere è preferibile l’ uso di una stanza di isolamento con serratura / vestibolo.
  • Un isolamento congiunto di più pazienti è possibile in determinate condizioni.
  • I rischi derivanti dai sistemi di ventilazione e condizionamento dell’aria, che possono diffondere l’agente patogeno negli aerosol in altre stanze, devono essere valutati e ridotti al minimo in loco. Deve essere garantito un sufficiente ricambio d’aria nella stanza del paziente.

Consigli sulla pulizia e disinfezione delle superficiConsigli sulla pulizia e disinfezione delle superfici